SOS de QUEEN-MARY  (GBTT )

1949. Veramente ,se annonciava nella tormenta ,questa notte di Gennaïo e di tempesta e di tenebre era un spaventevole capodanno sotto un cielo pesante le tenebre erano spondate da numerose lampo chi se se seguitano senza tregua mentre che le tuoni,la sua ombra,le seguitava,il vento,in violente raffici mugghiava sinistramento piantava per terra  pioggia,grandine e neve fonduta,insomma un bel regalo di inizio del anno che la natura offreva al abitante di Cherbourg.

Su il litorale Marocchino infieriva una fortissima tempesta,il porto di  Casablanca era interdetto a le nave dipoï due giorni ,parecchi hanno avuto  suo ormeggio spezzato,il piroscafo "Koutoubia" FNHY chi effettuava il percorso Marseille-Dakar he stato costretto di rimanere 24 ore in rada il battello misto "Ile De Ré" chi attrezzava di Bordeaux via "Les Antilles"costretto di radunare il porto a "Au Verdon" aspettando de potere riprendere il mare,la stazione costiére di "Guesnou radio" (Bretania) ha captato un sos da u battello Inglese "Ironax". Se poteva credere che la météo voleva annonciare un anno austero.

Questo sabato 1° Gennaïo ho deciso de non manggiare alla mensa e filo sul pàrto,entro in una taverna che aveva aspetto di marina a vele gli sue muri di pesante pietri grigie erano decorate da arme bianchi spadi,sciaboli pugnale e pure arme a fuoco ,fucile e pistole,lume a olio,lampione bussoli,

sestante ; tutto questo facea sognare l'época delli pirata,la pezza immensa era compartimentata per dei volte,due grande camine Normanne divoravano il legno e lo vomitavano in calore per fiamme rossi,verdi e gialli sustenuti da una braggia rosso vivo e densa,le pesante tavole di legno rustico (leccia ) erano ospetale come le siede alla spalliera robusta ; questa taverna me piaceva assaï,me sentevo bene mezzo a tale ambiente di calore umano.

........Come le adoravo,ho comandato tre dozzina de ostrica ,un astrice e una bottiglia di vino rosso vecchio......He stato un vero delizio.......Me restava circa di 1 ora prima de iniziare il mio lavoro e vado agingillarmi sul porto di commercio e qui ! c'era il transatlantico "Queen-Mary",la più prestigiosa nave de passaggere della compagnia "Cunard White Star"  chi era non somente la fierezza de la compagnia ma anche de tutti le Inglese,questa nave he stata lanciata in 1936,stazzava 85.000 tonnellati,aveva una lunghezza di 300 metri,filava 57km/ora la potenza della sua macchina era di 200.000 cv;traversando il Océano Atlantico in 3 giorni 20 ore e 42 minuto,cosi rapire il nastro azzuro al famoso "Normandie".

Il "Queen-Mary" era Maestroso le sue tre ciminieri rossi,ma,azzure alla cima se accordavano con il ponte,il spardeck e a gli soprastrutture bianchi che se maritavano benissimo con il scapo nero ; il suo tagliamare era retio e strada facendo si abbelliva da una forte mosta di schiuma bianco,le sue alberi leggeramente inclinati verso la poppa sopportavano gli antenne della potente stazione radio,sul ponte a babordo come a tribordo c'erano di fila dodeci canotte di salvatoggiocon il scafo bianco e il suo interno rosso,tutto era stabilito perche le crociere siano piacevole offrando il massimo di comodità e di sicurezza.A bordo c'era Hall di ricezioni,un Ufficio di Informazione,salone,bar,sale per i fumatore,sale di musica e di lettura,cinéma

téatro,una stamperia,una lavanderia,locale ospedale,locale di decorazione di lusso,un canile,un Ufficio Postale,una capella etc.......Tutto questo lusso avreste potuto tentare alcuni passageri de non sbarcare

Un diluvio se abbatteva  su Cherbourg,il vento soffiava in tempesta,la pioggia cascava in abbondancia e continua ; decidevo andare a prendere il mio servizio,mi fermo a una drogheria,compro un pane,qualche fette de salami,un formaggio di Normandie e una bottiglia di vino rosso  per il spontino della notte.

Questo 1° Gennaïo 1949 a 19h45 inizio il mio lavoro,su l'onda  di sicurita della vita umana,dopo avere dato il cambio,aggiornato il quaderno di servizio,con il mio tasto C.I.F. provo la emissione su 500kcs con il Lorenz di 1kw,5 ,tutto si revela pronto per la notte di lavoro ; a mezzanotte dopo una chiamata a tutte le nave,trasmetto il bollettino météorologico,poï ho fatto qualche conttati con nave stranieri : il Liberty-ship Italiano "Monte stelle" IBTT che usciva de Napoli,unaltro Liberty-Ship Americano il "Edward  Janeney"; a 19h17 "Queen-Mary"aveva segnalato : "Siamo entrando canale

Ouest",alla vedetta del "Homet e alla Prefettura Maritima;per quanto riguarda la mia veglia la notte se annonciava quiete perche poco nave erano in giro,la tempesta infuriava e pendente il silenzio degli onde sognavo de mille cose che potesse figurarsi un giovanotto di 20 anni.......Subitanéo al 21h10  ho un richiamo alla réalta da una potente emissione de "Queen-Mary" che copriva il 500 kcs SOS SOS SOS de GBTT =  Queen-Mary andando in secca chiedamo soccorso inviati imorchiatore

Io respondo : GBTT de FUC qsl sos  = poï subito  a CQ ritrasmetto il SOS e annoncio:

QDP : Assumo la responsabilita  del trffico del pericolo.

A 2115 ? Questo altro messaggio :  Around riquiest tug all possible assistance =

la vedetta de homet era informata  come la Direzione del Porto,le Copagnie dei Rimorchiatore e altr autorità Maritime,quanto a me avevo contattato il rimorchiatore "Roule" chi era in ascolto a Cherbourg e "Abeille 4 "  chi era a Le Havre,le operatore degli rimorchiatore faceveo la veglia al porto per essere pronte a tutte eventualità il téléfone le collegava con la prefettura;avevo telefonato alla stazione emetrice di "Rouges-Terres"e domandato di metter il R.C.A. di 3kw alla potenza massima,le soï lungue antenne sopportate da pilone de 80 metri di altezza assicoravano alla stazione de farsi sentire in tenor. 

A 21h55 ,con il sangue freddo del radio in queste circostanze,il"Wirless" del "Queen-Mary" con senerità trasmette  : SOS SOS SOS  =  Siamo in cattiva situazione domandiamo pronto soccorso utilizati tutti le rimorchiatore +

La réazione della Prefettura he stata rapido,ordina alla direzione del porto di prendere con emergenza le disposizione di appaiare le rimorchiatore "Mamouth" e "Roule" della Marina Militare........Ma che cosa era  avvenuta al "Queen-Mary" ?......

Arrivando da Southampton,il pomeriggio,il pomeriggio aveva fato scalo a Cherbourg,500 passagere aveveno preso piazza a bordo per andare a New-York il liner era pronto a prendere il largo,il tempo era spaventoso,la tempesta se amplificava senza comuna misura man mano che veneva la notte,il vento di S.W. soffiava a piû de 110km/ora il pilota era a bordo e con il comandante manovrava per presentare il "Queen-Mary" di facia  a il canale Ouest per verso il alto mare,la violenza della tempesta ha contrariato questa manovra,il gégante ferito in lu suoio amor-proprio se mette in rétromarcia e cosi si ritrova di posizione normale per affrontare di nuovo il canale ma, "Eole" e le sue comparsa aveveno la testa dura e "Queen-Mary" malgrado la sua notorietà non era il Dio di u mare,dovendo continuare la sua marcia in dietro,il vento aveva una bellissima preda e la massa di 85.000 tonnellati le dava un occasione

di esercisare una presa estrema , il transatlantico malgrado le sue 200.000cv di potenza se trovava lanciato entro la baïa di  Sainte-Anne facia alla spiaggia della "

"Saline";la forza degli sue macchini,il fischio degli sue ciminieri non potevano niente,el

Signore del mare era sterrato abbattuto da le elemento in collera,tocava un fondo de sabbia con la sua poppa,vinto,se immobilizzava a 400  o  500  metri della riva,le sue potente sirène mughiavano il terrore chiamando al aïuto.....In quel mentre il remorchiatore "Roule" era messo alla disposizioni de "Queen-Mary "; a00h15 si annoncia su 500 kcs  = Rimorchiatore Francese "Roule " 600 cv  verso "Queen-Mary=

A 00h45  indica = Rimorchiatore "Roule" assista "Queen-Mary".

Il remorchiarore "Mamouth" era sempre a Cherbourg,il  2 Gennaïo a 03h1 he messo alla disposizione del liner ,a dispetto della tempesta l'equipaggio era gia su due piedi,il "Mamouth" molla e prende il mare,il songnio degli equipaggie degli rimorchiatori

he di lasciare il porto e prendere il mare e questa volta il "Mamouth" aveva una bella opportunità di affirmare la sua reputazione e soccorire "Queen-Mary" non he un fatto di tutti le giorne ,le sue 1800cv le permettevano di effettuare bene il suo travaglio;rimorchiatore di alto mare misorava 49 metri di lungo e 9 metri de largo,la sua radio un emettore "Sadir" di 400w lo permetteva de farsi sentire bene ,aveva anche ottimi ricevitore,le sue antenne prismatrice aveveno una lunghezza di 20 metri.

il suo radiogoniometro  loe serveva a effettuare le punte e di localizare le nave che lo potrei concernere,con il suo equipaggio tanto sperimentato ,questo élemente era proprio designato per le missione de salvatoggio ,era davero di razza.Le rimorchiatore sono veloce perche deveno essere presto sopralluogo degli sinistri  perche il primo arrivato alla nave in difficolta e giungerlo in porto e cosi strappa la moneta la dimenzione del elica he una particolarita,le pale sono molto grande affinché  la superficia  di propulsione sia piû considerevole e cosi una megliore potenza di trazione

tutto questo il "Mamouth" e suoi  fratelle  andavano soccorire il "Queen-Mary".

He certo che le passaggere di una nave smantellato della tempesta avendo perduto la maestria della sua manovra  e consegnata  a le capricci  degli elementi ribelli non potevone  evitare di pensare al "Titanic"di quale el SOS non era stato lostesentito ,ma non era lostessa cosa per il " Queen-Mary" di quale le chiamati  erano stati copiate immeditamente,recevute da le collegamenti Scott (segnale luminoso,un tasto collegato con un projettore).Di sotto il "Queen-Mary" non aveva fondi tanto grandi,la sua poppa poggiava su un banco di sabbia e di ciottoli formando una specia di piattaforma;inolte,le soccorse arrivati presto sopralluogo.

Il Comandante del  "Que -Mary"face fare dei trasferimenti  de volume de acqua e nafta ,due ricezione hanno avuto luogo fra il Comandante,il Direttore della  Compagnia,il Direttore della Societa del rimorchio,le Capitani degli rimorchiatore,da una parte e del Comandante de "Queen-Mary" e le sue Ufficiale d'altra parte;dunque he stato con calma,riflessito,dei misure meticolosi sono state ordinanzati;il Comandante di bordo,dopo matura riflessione mando questo messaggio il 2/1/1949 a

04h10  = Segnalate a tutti le rimorchiatore che siamo pronte a disincagliari a 09h00 questa mattina ora Francese =. Ho accusato ricevuto del messaggio poï trasmesso a

il Stato-Maggiore.

A 03h30,il "Mamouth" era arrivato a costeggiare il "Quee-Mary",a 04h15 ,aveva affondato l'ancora  3 maglie in un fondo di 10 metri in grande rada,a 07h30 ,girato con la macchine fermati,a 07h17 il"Queen-Mary aveva insegnato  che =Alcuno allievamento progettato sta mattina e caso maï ci volesse considerare un'altro domandaresto di scaricare il fuel-oil 500 tonnellati;in quel mentre il rimorchiatori "Abeille 4" entrava nel canale Ovest e veniva collegare le sui C.V. con quelle de suoi collega, la ricompensa he venuta presto  poiché la direzione del porto informa la Prefettura Marittima che il piroscafo he disincaglato a 08h40.

Una cosa che non me privo di gridare su 500 kcs.

A 09h10,il piroscafo usciva del canale Ouest per raggiungere il alto mare facendo rotta verso Southampton,due aere lo scortaveno e tre ciminieri rossi nel suo superbo emanavano dei pennachi bluastro mentre che la sua tagliamare era ornata da una fina schiuma bianca,il gégante aveva recuperato tutta la sua vigore e riconquisto la sua vigore,riconquisto la sua dignità giaché ferito in lo suo amor- proprio,il suo orgoglio "lui" il titano dei mare ,malgrade tutto ,aveva riquiesto  assistenza e soccorso a queste nani le quale

che la forza era solo di qualche centinaia di c.v. ma pero il necessario era stato fatto,le elementi erano sconfiti non aveveno avuto ragione del titano.

Una catastrofa he stata evitata grazie alla mobilisazione degli mezze de intervento,con gran calma in il quale le operazione se sono sviluppate con la coordinazione perfetta in esecuzioni degli manovre,al esperienza e a l'abnégazione degli  personale borghese e militare e infine una cosa  che non dobbiamo dimenticare,il sangue freddo dei passaggeri.

Illuminato della prua alla poppa, del ponte a le alberi,il liner he entrato a Southampton al dock "Océans" ,tiratoda 6 rimorchiatori,una squadra di palombari ha ispezionato specialmente il timone e le elice,la partenza per New-York subire un ritardi di 48 ore,ma le Inglese sempre previdente aveveno ,in caso de deliquio de "Queen-Mary,riarmato il "Quee-Elisabeth" che se trovava in bacino  di raddobbo dipoï una
settimane;questa precauzione he stata inutile poïché  che il "Quee-Mary" stava benissimo,stava cosi bene che s'he permesso di prendere la sua rivincita sul mare

polverizzando le miglie,il "Caronia" altro transatlantico de 34.183 tonnellate,uscito del cantiére dipoï la fin della guerra,he luio stato il pagatore di tutto perche filando su New-York con a bordo 637 passaggere se he reso conto che il "Queen-Mary , era arrivato 24 ore prima di luio malgrado un ritardo di 84ore sul orario..........

Tutto era andato bene,ma io in mio le Inglese aveveno provato due sconfite :

1° La flottiglia dei rimorchiatore partita da  Portsmouth che in agguato aspetava un deliquio della parte dei salvatore di Cherbourg non hanno avuto  questa fortuna ma solmente ordine de raggiungere il suo Porto.

2° Un'aspra battaglia delle ondi ha avuto loguo ,si la vedetta non aveva concorenza,le sue messaggi essando inviati in Scott aveveno una distanzia limitata

ma per me non era lostesso per me,giaché da quel momento della chiamata al soccorso di GBTT dovevo rivaleggiare con Niton GNI,Scheveningen PCH ,Ostende OSN,e tant'altre stazione sul 500 kcs.

Avevo riuscito di imporre e ottenere il silenzio da queste stazione con abbrevazione regolamentare del codice internazinale chi volevano dire:

= Silenzio e ascoltate.

=Guardo la responsabilità del traffico  del SOS.

Avevo beneficiato del aïuto degli stazioni costiére Francese e anche degli rimorchiatore che insistevano su la abbrevazione QRT.Le rimorchiatore Belga e olandese stavano zitti ma ascoltavano invano una eventuale faglia chi permettere de mettere il grappino su la grossa preda.

In questa avventura sono stato fortunato,in ogni modo,mezzo una propagazione che mi ha favoreggiato,ho trovato la mia felicità di radio maritimo anche se c'era stato rischio de sinistro del "Queen-Mary",avevo coscienza del lavoro effettuato perche intimando il silenzio assoluto rendando Cherbourg maestro degli onde e portando aïuto a le rimorchiatore Francese a fara contatto con "il mercato navale".......Cosi hanno potuto mettere le sue corde sul il gruzzolo........Ma ! ché battaglia tra le ondi sul

"La Manche" ! Ché bella storia che ho vissuto.

Tomaso.